Devero – chef: Enrico Bartolini

11/05/16 UPDATE: lo chef Enrico Bartolini ha lasciato le cucine del Devero e si è trasferito al Mudec (Milano). l’attuale recensione è quindi da considerarsi inattendibile.

[=] marzo 2014. un posto certo, garantito e certificato dall’arrivo della seconda stella. soddisfazione per l’ego di uno chef sempre presente in cucina e che, come si conviene, si concede qualche passo tra i tavoli per testare il gradimento in sala. due parole si …(continua)

Devero – chef: Enrico Bartolini

nuova recensione disponibile

foto di Pig - tutti i diritti riservati.

foto di Pig – tutti i diritti riservati.

per leggere la recensione aggiornata clicca sulla foto.

Devero Ristorante
Cavenago di Brianza (MB)
largo Kennedy 1
tel. 02 95 33 52 68

www.deverohotel.it

marzo 2012. Bartolini è tornato. impeccabile nel suo risotto rape rosse e salsa di zola, sorprendente nel resto del menù che si rinnova e trova nuovi spunti d’eccellenza. sebbene i pregiudizi siano difficili da ignorare (il delibare nel ristorante di un hotel stigmatizza la poesia) l’ampio parcheggio sotterraneo è comodo, l’ingresso separato dal resto della struttura ha la sua ragion d’essere, lo specchio d’acqua oltre le vetrate della sala, le pareti a matton vivo ed un servizio calibrato a puntino mitigano il preconcetto. tavoli ben distanziati e due salette riservate (per gli amanti della privacy) incorniciano la panoramica finestra ch’entra in cucina. degustazione a 6 assaggi, tradizionale o alla carta, in qualsivoglia modo la si ponga più di un piatto vale il viaggio. al succitato risotto s’affiancano il morbido raviolo di lingua, la crema al whiskey (con focaccia al cioccolato e gelato al caffè), il baccalà al pistacchio in diverse consistenze ed un vitello su mousse di cavolfiore e fungo shitake che risveglia il gusto umami e l’acquolina in bocca. la ciocco colata rimane un gioco così come i graditi omaggi dello chef (dal benvenuto al predessert). nel “libro” dei vini c’è da perdersi, tra “le origini” pavesi ed i cugini d’oltralpe boutade australiane e certezze sudamericane ci sono bottiglie che soddisferanno i palati più esigenti e le tasche più accorte. ricarichi comunque leggermente superiori alla media. merita menzione la generosa selezione di rhum al pari del carrello dei formaggi. il coperto non è presente in conto, il bicchiere d’aperitivo (a scelta) sì.

EST EST EST

PREZZO a persona: 133 euro.
COPERTI: 46 posti.
CHIUSURA: sempre a pranzo, domenica tutto il giorno.